fbpx
Conosciamo i tartufi: bianchetto fresco
20396
post-template-default,single,single-post,postid-20396,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.7.4,woocommerce-no-js,yith-wapo-frontend,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,vss_responsive_adv,vss_width_768,footer_responsive_adv,columns-4,qode-theme-ver-25.9,qode-theme-bridge,qode-wpml-enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Conosciamo i tartufi: bianchetto fresco

Il suo nome scentifico è Tuber albidum Pico o tuber bronchii vittad., ma è detto anche marzuolo perché si raccoglie negli ultimi mesi d’inverno e nei primi di primavera, dal 15 gennaio al 30 aprile.

Somiglia al tartufo bianco ma se ne differenzia per alcuni elementi essenziali, esteriormente la forma è simile, vale a dire irregolare con protuberanze lisce, ma il colore del bianchetto è molto più scuro, oro scuro per un tartufo maturo, e a volte anche marrone chiaro. Le dimensioni sono ridotte, arriva fino a quelle di un uovo di gallina, più o meno.

E’ tipico di Toscana, Emilia Romagna, Marche e Umbria, e cresce nei boschi di latifoglie e conifere.

 

E in cucina?

Come tutti i tartufi, appena forse dopo il bosco, è nel suo ambiente preferito, ed è perfetto per chi ama gli aromi intensi perché ha un odore gradevole e pungente, leggermente piccante e d’aglio.

Si sposa perfettamente con crostini, bruschette, primi piatti, zuppe, uova. E se vi piacciono i formaggi o il burro allora accostateli senza paura al tartufo bianchetto! Ma c’è di più, in virtù del suo sapore questo tartufo sta bene anche con i secondi di pesce!

Per preservarne l’aroma non va sottoposto a lunghe cotture. Buon appetito!

No Comments

Post A Comment